• Home
  • Sei un Barista?

Sei un Barista?

Il barista truffato

 

Hanno fatto credere ai baristi che volevano cambiare fornitore di caffè che i clienti sono esperti assaggiatori, frequentano le caffetterie per fare i sommelier dell’espresso, sono dei cacciatori di tazzine rare da degustare, tutti in cerca della famosa qualità, qualche tuo collega si è anche convinto di questo e ha comprato il caffè particolare con il certificato che attesta la provenienza, il metodo di raccolta e di tostatura, quando ha chiesto ai clienti se avessero notato l’aroma di pan tostato e cacao sai cosa gli hanno detto? Ti lascio immaginare.

La cosa più frustrante in questi casi per un barista è l’indifferenza dei clienti di fronte alla proposta di un “caffè particolare molto pregiato”, d’altronde bisogna anche capire che i clienti di una caffetteria non si trovano li nelle vesti di assaggiatori di caffè, fanno tutt’altro nella vita, motivo per cui nel tuo locale trovi l’avvocato, il corriere che va a consegnare i pacchi, la commessa del negozio, l’imprenditore, una mamma dopo aver accompagnato il figlio a scuola e così via.

Di sicuro tra i tuoi clienti non ci sono sommelier dell’espresso, e se ci sono, sarai d’accordo con me che sono 1 su 100?

 

La domanda che ogni titolare di bar che si rispetti deve porsi, è la seguente:

perché le persone al mattino scelgono proprio il caffè?

 

Sembra una domanda scontata invece non lo è, se ti dai la giusta risposta fai bingo! Si, hai letto bene, esiste un modo per “manipolare” il flusso di clienti e portarli a consumare nella tua caffetteria.

 Non so se qualche altro fornitore di caffè si è posto questa domanda, a mio avviso è fondamentale.

Molti dei miei colleghi, sono focalizzati nel far sapere che possono finanziare il tuo locale firmando un “semplice contratto” imbottito di clausole, oppure a far sapere quanto è grande il proprio capannone.

Pochi, o forse nessuno di loro si è focalizzato sulla vera esigenza dei bevitori di caffè, e fornire questa conoscenza ai baristi che vogliono potenziare il proprio locale.

I finanziamenti non fanno si che i tuoi clienti si moltiplicano, la sveglia brandizzata non fa si che i tuoi clienti rimangano meravigliati.

Questo modo di ragionare di molte aziende di caffè ha fatto credere ai baristi che bisogna competere con altri servizi differenti dal caffè tipo: 

  • Bariste di bella presenza
  • Gratta & Vinci e pagamenti di bollette 
  • Caffè preparato con metodi diversi, tipo il caffè americano “filtro”
  • Corsi di caffetteria di ogni genere 

Con questo non voglio dire che i corsi di caffetteria non servono a nulla, che non puoi vendere i Gratta & Vinci ecc.. assolutamete no, sono servizi che spesso aiutano le attività ma non sono queste a  fare davvero la differenza.

Prova a chiedere al tuo cliente, perché al mattino beve proprio il caffè e non una bevanda qualunque, è probabile che ti risponderà così:

    1) Per abitudine

Sicuramente molti bevono il caffè per abitudine, ma un abitudine nasce sulla base di un esigenza.

Mi spiego meglio: facciamo conto che io abbia l’abitudine di fare la doccia prima di uscire di casa, l’abitudine in questo caso è nata dall’esigenza di uscire di casa “pulito e profumato” , questa doccia a furia di farla tutti i giorni, per mesi e mesi, ci sta che per me è diventata un abitudine, non credi? 

Ora facciamo l’esempio dei tuoi clienti, si sono abituati a bere il caffè perché hanno necessità di tirarsi su, svegliarsi o ricaricarsi prima di tornare a lavoro. Ci sta che dopo tanti anni è diventata un’abitudine, ma tu da esperto in materia sai benissimo che è un abitudine fondata sull’esigenza di ricaricarsi.

   2) Per svegliarsi 

Non è una novità che nei bar la maggior parte del caffè , viene consumato al mattino e subito dopo pranzo.  

Le persone hanno bisogno di una spinta che li aiuti ad affrontare le mattinata di lavoro, mica al mattino ti chiedono il caffè perché hanno bisogno di digerire il brasato di cinghiale della sera prima?! NO, lo vogliono per svegliarsi 🙂 

   3) Per vincere l’abbiocco del dopo pranzo

Ci sono anche quelli che il caffè lo prendono dopo pranzo come digestivo ma quanti sono davvero? pochissimi.

La maggior parte dei clienti che bevono il caffè dopo l’ora di pranzo lo fanno per un motivo ben preciso: recuperare energie per affrontare il resto della giornata.

La velocità è tutto!

Capire tardi la vera esigenza dei consumatori è come regalare clienti ai tuoi colleghi.

Non è sempre vera questa cosa, ma la maggior parte delle volte, la velocità nell’innovazione fa tutta la differenza di questo mondo.

Oggi il mercato va così veloce che non possiamo sapere se tra sei mesi ci sarà un’altra caffetteria a fianco alla tua.

Chi entra in un bar per un caffè, ovunque si trovi vuole fare una pausa rigenerante, vuole tirarsi su, prima di andare a lavoro, durante lo shopping, prima di un lungo viaggio oppure quando sa di dover passare ore al computer. 

In qualità d’imprenditore nel settore bar caffetteria sai benissimo che se vuoi vendere “X” tazzine di caffè in più al giorno, devi convincere “X” persone a cambiare bar, e per riuscire hai bisogno di un motivo (VALIDO) che lo faccia prendere quella decisione.

Ecco alcuni esempi di clienti soddisfatti: clicca qui -> testimonianze

Pubblicizzare un caffè che è solamente di “alta qualità” non basta a far cambiare caffè al tuo potenziale cliente!

Di base il motivo principe per il quale scelgono proprio il caffè resta sempre lo stesso, la “necessità” di…. Come ti ho detto nelle prime righe di questa pagina.

Nessuno mai ha fatto caso alle “note di cacao” oppure al caffè di origine “Jamaica blue montain”.

Cambiare fornitore di caffè e come cambiare l’automobile, fai tante valutazioni, ti informi su tante cose anche quando pensi di sapere tutto, ecco le domande più frequenti che ho ricevuto:  

“Ho già un contratto, non posso svincolarmi”

“Il rappresentante è un amico, come faccio a sostituirlo?” 

“La mia zona è differente” 

“Questo 30% in più di caffeina, non sarà troppo?”

Ecco queste sono le domande più frequenti che in passato mi sono sentito dire, la risposta a queste domande è semplice e te la dico subito: Oggi non puoi cambiare caffè, quello che devi fare è ben diverso.

Hai bisogno di trovare un rimedio alla situazione attuale, un rimedio definitivo che non ti faccia perdere mai più tempo e soldi.

Le possibili situazioni sono le seguenti: 

  • I consumi del tuo bar sono scesi rispetto agli anni passati
  • Stai mantenendo la media degli anni precedenti ma vorresti fare di più
  • i tuoi concorrenti

Se ti rivedi in uno o più di questi punti ti dico subito cosa bisogna fare:

Approfondire l’argomento.

Non c’è altra cosa da fare prima di comprare un altro chicco di caffè!  E’ arrivato il momento di ragionare con la tua testa, non con quella dei venditori che vengono a corteggiarti al bar. 

Solo così capirai qual’è la scelta giusta per te, e solo allora potrai installare il turbo alla tua attività! 

Adesso ti invito a seguire questi due semplici passi per conoscere tutto su carichissimo, senza ricevere rappresentanti nel tuo locale! Anche se il tuo bar si trova a fianco alla nostra azienda. 

Passo N° 1 : Clicca qui per accedere al modulo >> Modulo contatti 

Passo N°2 : Compila il modulo che ti comparirà per ricevere tutte le informazioni di cui hai bisogno. >> Modulo contatti

Grazie per aver dedicato del tempo per leggere queste righe! 

A presto 

Davide